(L)otto marzo: la strada percorsa, la strada ancora da fare